Mio disegno di legge per modificare il sistema previdenziale

pensioniHo depositato un ddl (disegno di legge) per modificare il sistema previdenziale che mira ad assicurare al lavoratore la più ampia libertà di scelta sia riguardo il momento di accesso al trattamento pensionistico sia riguardo a una graduale riduzione dell’orario di lavoro nel periodo precedente il pensionamento, nonché di porre in essere misure finalizzate ad incentivare l’occupazione giovanile.

Come raggiungere questi obiettivi? Nel mio ddl propongo alcuni strumenti a cui il lavoratore potrà aderire su base volontaria e che qui elenco:

  1. la possibilità per il lavoratore di aumentare volontariamente la quota di contribuzione a suo carico in relazione al versamento dei contributi previdenziali. Aumentando la propria contribuzione mensile all’INPS il lavoratore potrà andare in pensione anticipatamente rispetto al limite anagrafico attuale dei 66 anni e 7 mesi.
  2. l’introduzione delle necessarie modifiche alla normativa vigente atte ad agevolare i meccanismi relativi al rilascio dell’autorizzazione alla prosecuzione volontaria del versamento dei contributi, prevedendo la possibilità, per il lavoratore dipendente, sia esso pubblico o privato, di utilizzare il trattamento di fine servizio o il trattamento di fine rapporto.
  3. la previsione della possibilità per il lavoratore dipendente, nel quinquennio precedente alla maturazione dei requisiti per l’accesso al pensionamento, di concordare con il datore di lavoro la riduzione del proprio orario di lavoro tramite cui porre in essere misure finalizzate ad incentivare l’occupazione giovanile.
  4. revisione organica dell’intera disciplina del regime pensionistico vigente al fine di eliminare le discriminazioni indirette di genere.

Il testo completo del disegno di legge è reperibile al link:  http://www.senato.it/service/PDF/PDFServer/BGT/00913564.pdf